Il tempio Tōji

September 28, 2007

Risa Takahashi, Natsumi Yamamoto, Yumi Yoshida
Tutti lo chiamano Tōji, ovvero “il tempio dell’Est”, ma il suo vero nome è Kyōgokokuji. Fu costruito nel 796 a est della porta principale della nuova capitale, che due anni prima era stata trasferita da Nagaoka-kyō a Heian-kyō, l’odierna Kyoto. Ad ovest, in posizione simmetrica rispetto alla porta, fu costruito invece il tempio Saiji (il cui nome significa “il tempio dell’Ovest”) che ora non esiste più perché nel 1233 fu distrutto da un incendio. Nell’823 il Tōji fu donato dall’Imperatore Saga a Kōbō Daishi (Kūkai), il fondatore della setta Shingon.

Kōbō Daishi Gojū-no-tō

Kōbōsan (il mercato)

 

Il ventuno di ogni mese, l’anniversario della morte di Kōbō Daishi, si tiene all’interno del Tempio il mercato chiamato Kōbōsan. Ci sono sempre almeno mille bancarelle e più di duecentomila visitatori, tra cui anche molti stranieri. In questo mercato si possono trovare molti oggetti interessanti e a buon prezzo, come ad esempio kimono, vasellame, bonsai, bambole, vestiti e generi alimentari. Per i visitatori il divertimento è assicurato.



 

Gojū-no-tō (la pagoda a cinque piani)

La pagoda a cinque piani è il simbolo del Tempio, ed è considerata un tesoro artistico nazionale. Fu costruita da Kōbō Daishi nell’826, ma è stata successivamente distrutta dal fuoco quattro volte. L’edificio che si vede attualmente è del diciassettesimo secolo (periodo Edo). La pagoda è alta cinquantacinque metri ed è l’edificio antico più alto del Giappone.

 

Kondō (la sala dorata per i riti buddisti)

Kondō significa letteralmente “la sala dorata per i riti buddisti”, ma a dispetto del nome non è veramente dorata. Il suo appellativo si collega invece al fatto che al suo interno si trova una sontuosa statua dorata del Buddha. L’edificio, costruito in stile tradizionale giapponese, è considerato un tesoro artistico nazionale. Nella sala si trova anche la statua di Yakushinyorai a cui è dedicato il Tempio. Il Buddha Yakushinyorai viene venerato come un santo e si crede che possa guarire dalle sofferenze e dalle malattie gravi. La sua statua fu costruita nel 1630 ed è considerata un importante bene culturale.


Kondō Kōdō

 

Kōdō (la sala per i riti buddisti)

La costruzione di questa sala, progettata da Kōbō Daishi, fu completata solo dopo la sua morte.
Al suo interno si trovano ventuno antiche statue del Buddha, disposte come un mandala (diagramma sacro) in modo da rappresentare il cosmo ideale del buddismo che Kōbō Daishi aveva concepito.


 

Toji

Sho Yamamoto


Toji, “il tempio dell’est”, è stato edificato a Kyoto nel 796 e nell’823 è stato donato dall’imperatore Saga a Kukai*, fondatore della setta Shingon. A quell’epoca risale anche la costruzione di un altro tempio, Saiji, “il tempio dell’ovest”, che però in seguito fu distrutto da un incendio e non fu mai più ricostruito. Ora al suo posto è stato eretto un monumento di pietra. Toji e Saiji dovevano proteggere rispettivamente il Giappone orientale e occidentale.

*Kukai(774- 835)
È il fondatore della setta Shingon e dei templi di Toji e Kongobuji. All’età di trent’anni si recò in Cina per studiare i segreti del mikkyo, il buddismo tantrico esoterico, e poi tornò in Giappone per fondare la setta giapponese del buddismo tantrico.

Mikagedo

Edificato originariamente da Kukai e successivamente distrutto da un incendio, è stato ricostruito nel 1380. Nell’edificio a nord si trovano reliquie di Kukai e un suo ritratto, a cui i devoti anche oggi si rivolgono in preghiera alle 6 di mattina, l’ora della colazione.

Goju no to (la pagoda a cinque piani)

Questa pagoda è il simbolo di Kyoto ed è la più alta del Giappone (m. 54,8). Costruita da Kukai, è andata distrutta quattro volte a causa di incendi. La pagoda che possiamo vedere oggi è stata edificata dal terzo shogun della dinastia Tokugawa.

Nanzen-ji

Risa Takahashi Natsumi, Yamamoto, Yumi Yoshida

Il Tempio Nanzen




1. La Storia

La storia del Nanzen-ji ha origine nel 1291, anno in cui l’imperatore Kameyama decise di trasformare la sua villa in un tempio Zen, affidandolo alle cure di Mukan Fumon che ne divenne l’Abate fondatore. Nel 1385 il Nanzen-ji fu proclamato dal generale Yoshimitsu Ashikaga il più importante tra i cosiddetti “gozan” (letteralmente “cinque montagne”), ossia i templi Zen principali di Kyoto: Tenryu, Shokoku, Kennin, Tofuku e Manju. Nel corso della sua storia è stato distrutto dal fuoco per ben tre volte (nel 1393, nel 1447 e nel 1467). Gli edifici che vediamo oggi sono stati costruiti nel periodo Edo.

2. San Mon (i tre cancelli)

Il monumentale portale d’ingresso, alto circa ventidue metri, fu fatto costruire nel 1628 dal generale Todo Takatora per commemorare i soldati caduti nella battaglia del Castello di Osaka. Il portale è famoso per una scena di un’opera del teatro kabuki in cui un personaggio storico di nome Ishikawa Goemon lo guarda ammirato ripetendo: “Che magnifico panorama!” (Zekkei kana! Zekkei kana!)

3. Hojo

La residenza è composta da due edifici, il Piccolo e il Grande Hojo, considerati tesori artistici nazionali. Nel Grande Hoijo (Dai-Hoijo) si possono ammirare alcuni meravigliosi fusuma (pannelli di legno scorrevoli rivestiti di carta) decorati nello stile dei seguaci di Karino.
4. Toranoko-watashi no Niwa (il Giardino del Guado del Cucciolo di Tigre)

Davanti alla residenza dell’Abate si trova un giardino chiamato “delle tigri che attraversano il fiume” perché al suo interno sono state collocate due pietre, una grande e una più piccola, che simboleggiano una tigre adulta che sta aiutando un cucciolo ad attraversare il fiume, rappresentato dalla ghiaia.
5. Nyoshin Tei (il giardino del cuore)

Davanti a Hojo si trova anche un altro giardino secco (karesansui), chiamato “del cuore” perché al suo interno ci sono alcune pietre disposte in modo da formare il carattere cinese che significa “cuore”, “anima” (心). Il carattere esprime la pace dello spirito che si può ottenere contemplando il giardino.
4. Suiro Kaku (l’acquedotto)

È un ponte di mattoni rossi, costruito nel periodo Meiji, che assomiglia a un acquedotto romano e che porta a Kyoto l’acqua che proviene dal lago Biwa, attraversando il Nanzen-ji.

Arashiyama e il tempio Suzumushi

Akane Miyoshi, Ayako Yanagi


Arashiyama

Arashiyama è una zona situata ad ovest di Kyoto, famosa per la fioritura dei ciliegi in primavera e per le foglie rosse degli aceri in autunno. Per questo motivo ogni anno vi si recano molti visitatori ed è diventata una meta turistica tra le più importanti di Kyoto. I luoghi più interessanti da visitare ad Arashiyama sono il Ponte Togetsu e i templi Tenryu, Horin, Nonomiya e Hogonin.

Il Ponte Togetsu è il simbolo di Arashiyama. È lungo 250 metri e percorrendolo, oppure noleggiando una barca a remi per fare una gita lungo il fiume, si può ammirare un panorama incantevole.

Ad Arashiyama c’è anche un centro commerciale con molti bar e ristoranti dove è possibile mangiare e trovare ristoro dopo una passeggiata nei boschi.

Il tempio Suzumushi

Suzumushi è un tempio che si trova a circa 15 minuti di cammino dalla stazione di Matsuo. Il suo nome ufficiale è “Myotokusan-Kekonji” ma è più conosciuto come “Suzumushi” perché durante tutto l’anno vi si può ascoltare il canto dell’omonimo insetto, tradizionalmente amato dai giapponesi.
All’interno del tempio c’è una statuetta di pietra di “Kofuku”, dio della felicità, che si crede esaudisca un solo desiderio. Di solito questa divinità è rappresentata scalza, ma qui invece porta dei sandali di paglia per simboleggiare il fatto che ci viene incontro a piedi per ascoltare le nostre preghiere. Nel tempio si può ascoltare il discorso di un monaco buddista sorseggiando tè e mangiando dolci giapponesi. È un discorso molto interessante e facile da capire con il quale il monaco spiega in dettaglio il modo corretto di pregare. I pellegrini vengono da tutto il Giappone a visitare questo tempio, anche più volte qualora un loro desiderio sia stato esaudito.

Noi siamo andate al tempio Suzumushi in autunno. Era piacevole e tranquillo, e ci siamo sentite molto rilassate e calme. Abbiamo comprato un amuleto e abbiamo pregato davanti alla statuetta di pietra di “Kofuku”. E siccome in seguito il nostro desiderio è stato esaudito, vogliamo visitarlo ancora una volta.

Sanjusangendo

Hiroyuki Hamamoto


Sanjusangendo è il nome con cui è conosciuto un tempio buddista che contiene un famoso edificio costruito per ospitare mille statue del bodhisattva Kannon (Avalokiteshvara). Il nome formale del tempio è Rengeoin, e Sanjusangendo è propriamente il nome dell’edificio principale.

Il nome Sanjusangendo, “Il padiglione dei 33 spazi”, è derivato da una caratteristica architettonica: ci sono 33 spazi fra i pilastri della facciata. Il numero allude al numero delle manifestazioni di Kannon, il bodhisattva compassionevole che assume 33 diverse forme per poter salvare tutti gli esseri umani.

L’imperatore Goshirakawa lo fece originariamente costruire all’interno di uno dei suoi palazzi nella seconda metà del periodo Heian, con l’aiuto finanziario di Taira no Kiyomori, un personaggio molto potente a quei tempi. Però l’edificio originale bruciò a causa del grande incendio di Kyoto del 1249, e quello che si vede attualmente è stato ricostruito nel 1266.

Durante il periodo in cui Kyoto fu capitale del Giappone furono costruiti numerosi edifici imponenti, ma la maggior parte fu distrutta in breve tempo a causa dei frequenti incendi e terremoti. Perciò i carpentieri hanno utilizzato numerose tecniche antisismiche ingegnose nella costruzione di Sanjusangendo, e ancora oggi possiamo ammirare l’edificio eretto nel 1266.

Le mille statue di Senju-Kannon occupano tutto lo spazio interno di Sanjusangendo. Ogni statua ha 11 visi e 40 mani. Tante mani rappresentano le mille mani (senju) con cui Kannon aiuta i mortali.

Centoventiquattro statue sono originali del periodo Heian, le altre sono state ricostruite nel periodo Kamakura impiegando 16 anni.

Si dice che si può trovare una statua che assomiglia a qualsiasi persona che si vuole vedere.
Al centro dell’edificio, in mezzo alle mille immagini di Kannon, è posta una statua di Senju-Kannon seduto considerata patrimonio artistico nazionale. Alta più di 3 metri, è fatta di legno di hinoki (cipresso giapponese), ed è interamente ricoperta da una pellicola di lacca Giapponese.

La statua centrale fu creata dal grande scultore di opere buddiste Tankei e dai suoi allievi durante la ricostruzione nel periodo Kamakura. Si dice che l’equilibrio dell’ intera figura, la determinazione solenne che si percepisce nel volto e l’espressione serena siano caratteristiche delle opere di Tankei.
Davanti alla statua di Tankei ci sono trenta statue di divinità buddiste originarie dell’India antica.

Toshiya e Yakazucho

Toshiya, che significa letteralmente “freccia che che ha colpito il bersaglio”, è una competizione di tiro con l’arco che si svolge all’interno del tempio. Le origini della competizione sono note solo attraverso la leggenda, ma si dice che esistesse già nel periodo Momoyama.

Toshiya si svolge lungo il lato meridionale del padiglione Sanjusangendo: gli arceri si posizionano all’estremità occidentale e tirano frecce a bersagli posti a 120 metri di distanza all’estremità orientale. Si tira un numero stabilito di frecce, e vince chi fa centro il maggior numero di volte. Ci sono varie categorie nella competizione: “Hyakui” (cento tiri), “Sen-i” (mille tiri) eccetera. Nel periodo Edo era popolarissima “Ooyakazu”, una gara in cui si tirava per 24 ore, dalla sera alla stessa ora del giorno seguente.

Nell’antico registro “Yakazucho” sono scritti i nomi dei partecipanti, le date, il numero di tiri, ecc. La voce più antica registra una Ooyakazu dell’aprile 1686, in cui il diciottenne Wasa Daihachiro di Kishu (un territorio che oggi si estende fra la prefettura di Wakayama e la prefettura di Mie) vinse con 8133 centri su 13053 tiri.

Arashiyama

Kanako Morita, Sayaka Toyota




Arashiyama si trova nella parte occidentale di Kyoto, e offre un bellisimo panorama in ogni stagione, ma soprattutto in primavera e in autunno. I ciliegi di Arashiyama sono splendidi. Si dice che un antico imperatore del periodo Heian li abbia fatti portare da Yoshino, nella parte meridionale della prefettura di Nara. In autunno le montagne in tutta la zona di Arashiyama diventano rosse e gialle per le foglie d’acero. Tanti turisti vengono da tutto il Giappone per godere di questo spettacolo. Il simbolo di Arashiyama è il famoso ponte Togetsu sul fiume Ooi. Questo ponte fu costrutto da un discepolo di Kukai, un grande bonzo del periodo Heian, più di 1000 anni fa. Togetsu si scrive 渡月 in caratteri cinesi (kanji). 渡 (TO) significa attraversare, e 月 (GETSU) significa luna in giapponese. Se si guarda questo ponte dalla parte a monte del fiume, sembra proprio che la luna lo stia attraversando. Il ponte fu costruito quando Arashiyama era una località di villeggiatura per la nobiltà del periodo Heian, spesso descritta nelle opere della letteratura giapponese antica. Arashiyama ha tanti luoghi e cose famose da vedere, e in questo articolo ve ne vogliamo presentare alcuni.

Il risciò (Jinrikisha)

Si possono vedere tanti risciò ad Arashiyama. Il risciò è un veicolo a due ruote tirato da un uomo (chiamato “shafu”) che ha la funzione di un taxi. Lo shafu tira il risciò da solo, portando i turisti nei luoghi famosi di Arashiyama mentre ne ne spiega le caratteristiche e ne racconta la storia.

Tenryuji (il tempio Tenryu)




Scendendo ad Arashima dal tram della linea Keihan, si vede subito il portale Sanmon del tempio Tenryu. Il termine “Sanmon” indica il grande portale d’ingresso del recinto di un tempio. Oltrepassato il Sanmon, a sinistra si può vedere un famoso giardino. Una volta il giardino del tempio Tenryu comprendeva tutta la zona di Arashiyama.
Nel 1239 l’imperatore Godaigo morì, e questo tempio fu fondato in suffragio del defunto imperatore da Musoseki, un bonzo di grande virtù, su ordine del grande condottiero Ashikaga Takauji. Arashiyama è la località dove Godaigo passò l’infanzia. Il tempio aveva anche lo scopo di lenire il dolore delle anime dei caduti nella lunga guerra dinastica fra la corte meridionale e quella settentrionale (Nambokucho). Al giorno d’oggi non è possibile vedere gran parte degli edifici originari, perché distrutti durante le otto guerre susseguitesi negli oltre 650 anni dalla fondazione.

Somon (Sanmon)

Il Sanmon (foto a sinistra) , o portale d’ingresso, del tempio Tenryu è piccolo. Il lungo viale d’accesso continua fino all’edificio dove risiedono i monaci, lo Hojo. A sinistra ci sono tanti aceri le cui foglie diventano rosse in autunno.

Kuri

Il Kuri (foto al centro) è l’edificio dove abitano i monaci, e comprende la cucina e gli uffici.

Oohojo

Lo Oohojo (Hondo, l’edificio principale, la foto non c’è) è un grande padiglione costruito nel periodo Meiji, circondato da un ballatoio da cui si può vedere l’interno. Nello Oohojo è collocata la scultura che raffigura il budda principale, Mokuzo Shakanyorai Zazo, opera del periodo Heian considerata importante patrimonio culturale del Giappone. Purtroppo adesso questa statua non si può vedere.
Si può visitare il Ryoanji tutti i giorni dalle 8:30 alle 17:30 (da novembre a marzo chiude alle 17:00). Il prezzo d’ingresso è 500 yen. Per visitare lo Hondo si devono pagare altri 100 yen.

Hogon-in

Lo Hogon-in fu costruito la prima volta a Kamigyoku, nella zona settentrionale di Kyoto, e aveva un grande giardino. Distrutto dal fuoco durante la guerra civile chiamata “Onin no ran”, fu ricostruito e, nel recente periodo Meiji, smantellato e trasferito nel luogo in cui si trova ora.

Il bosco di bambù

Attraversato il ponte Togetsu, si prosegue dritto in direzione nord per alcuni minuti, poi si gira a sinistra. Da lì si vede il bosco di bambù di Arashiyama. È un bosco ben curato, in ci si può rilassare godendo dell’atmosfera tranquilla. Anche nei giorni caldi d’estate in questo bosco di bambù l’aria è piacevolmente fresca. Dal bosco si arriva al santuario di Nonomiya.

Nonomiya jinja (il santuario di Nonomiya)


Il giardino di muschio di Nonomiya (foto a sinistra) è il più bello di Kyoto, e si stende sul terreno del santuario come un tappeto verde. Il muschio subito dopo la pioggia è ancora più bello del solito.
Il dio principale è Nonomiya ookami (Amaterasu ookami, la dea della salute e antenata del popolo giapponese), ma il santuario è dedicato anche a Ukanomitamano ookami (il dio del parto facile e della prosperità nel commercio), Benzaiten (la dea della ricchezza e dello spettacolo) e Daikokuten (il dio delle nozze). L’ingresso è gratuito.

Ci sono tante altre cose da vedere ad Arashiyama. Arashiyama è un po’ lontana dal centro, ma vale senz’altro la pena visitarla per ammirare la bellezza delle natura nelle quattro stagioni e vedere alcuni fra i più importanti patrimoni storici e culturali del Giappone.

Foto dell’autrice

Il Tempio di Kiyomizu

Sayaka Morishita

La storia del Tempio di Kiyomizu

Il Tempio di Kiyomizu è stato costruito nel 780 dal condottiero militare Sakanoueno Tamuramaro. È il secondo tempio buddista più antico di Kyoto. Il nome “Kiyomizu” significa acqua pura, e si riferisce alle cascate di acqua pura che si trovano all’interno del recinto templare. Fu ricostruito nel 1633 dallo shogun Tokugawa Iemitsu, e nel 1994 è stato dichiarato patrimonio dell’umanità.
Nei tempi antichi si credeva che il sangue dei cervi facilitasse il parto. Un giorno Tamuramaro, andando a caccia per ottenere il sangue per sua moglie, conobbe un prete di nome Enchin che predicava i precetti del buddismo in quella zona. Enchin gli parlò della crudeltà di uccidere esseri animati, allora Tamuramaro riconobbe il proprio peccato e diventò un buddista. Per commemorare la conversione, nel 780 costruì questo tempio e dedicò una statua di Kannon (il bodhisattva della misericordia).

Il palco di Kiyomizu

Questo tempio è famoso per il palco, fatto con legno di cipresso giapponese e alto circa 23 metri. È stato costruito senza usare chiodi, ma è solidissimo e può resistere a qualunque tipo di disastro naturale perché è puntellato solidamente da molti pilastri e molte travi.
C’è una famosa frase idiomatica giapponese che si riferisce a questo palco: “saltare giù dal palco di Kiyomizu”. Significa decidere di fare qualcosa di coraggioso. In passato tante persone si sono buttate realmente dal palco, ma non per suicidarsi. Si diceva infatti che se non si fossero ferite i loro desideri sarebbero stati esauditi. Pregavano dunque Kannon che le aiutasse e si buttavano. Molti si sono buttati anche per dare prova di coraggio.
Questo palco era usato per rappresentare No (un tipo di dramma tradizionale giapponese con danze) dedicati a Kannon. Oggi è visitato dai turisti, e ogni tanto vi si tengono sfilate di moda.
Il palco è riparato circa ogni 20 anni. Quando nel 2004 è stata fatta l’ultima riparazione, le assi del palco, originariamente spesse 10 centimetri, erano talmente consumate da misurare appena 5 centimetri, a causa dei tre milioni di turisti che vi camminano sopra ogni anno.

Le cascate di Kiyomizu

Ci sono tre piccole cascate in questo tempio, chiamate Otowa dal nome della montagna da cui sgorgano. Si può bere l’acqua della fonte delle cascate. L’acqua delle diverse cascate ha diversi effetti: quella a sinistra, vista da chi guarda rivolto alle cascate, aiuta negli studi, quella in mezzo procura la longevità e quella a destra fa bene all’amore. Ma per godere dei benefici bisogna bere da una sola! Non si deve bere da tutte tre per rispettare l’insegnamento buddista che dice che gli esseri umani non devono essere ingordi.

Ninna ji

Sayaka Toyota


Ninna ji
(Il tempio Ninna)

Il tempio Ninna si trova nella parte occidentale di Kyoto. Fu costruito nell’888, e prosperò a lungo essendo sotto la protezione della nobiltà e della famiglia imperiale dalla metà del periodo Heian (794-1183) fino al periodo Kamakura (1183-1333). Ma in seguito cadde in disgrazia e fu distrutto dal fuoco durante la n“Onin no ran” (la guerra di Onin, combattuta a Kyoto dal 1467 al 1477). La popolazione si mobilitò per ricostruirlo, ma la ricostruzione avvenne solo nel 1634, circa 100 anni dopo la guerra di Onin. Nel 1994 è stato dichiarato patrimonio culturale dell’umanità dall’UNESCO. Al suo interno ci sono numerosi tesori nazionali e monumenti di grande importanza storica.

Omurozakura (i fiori di ciliegio di Omuro)

“Omuro” è il nome della località dove si trova il tempio Ninna. Ci sono circa 200 ciliegi di Omuro nel giardino del tempio. L’altezza dei ciliegi è di appena 2 o 3 metri, e i fiori sbocciano a poche decine di centimetri da terra. Il suolo è formato da un basamento roccioso, perciò le radici dei ciliegi non possono penetrare a fondo e per mantenere l’equilibrio l’altezza degli alberi è proporzionale alla profondità delle radici. La piena fioritura dei ciliegi di Omuro dura dalla metà all’ultima decade di aprile. È una fioritura tardiva, e per questo Omurozakura è il ciliegio che annuncia la fine della stagione della fioritura. Nel 1925 il giardino dei ciliegi del tempio è stato ufficialmente dichiarato paesaggio protetto.

Reiho kan

È aperto al pubblico ogni primavera e autunno, e vi si possono vedere i tesori del tempio, come per esempio sculture considerate tesori nazionali.

Tesori nazionali

Kindo

Quest’edificio fu originariamente costruito nel palazzo imperiale di Kyoto nel periodo Momoyama (nella seconda metà del sedicesimo secolo), e fu trasferito e ricostruito nel Ninna ji nei primi anni del periodo Edo (1603-1867).

Monumenti di grande importanza storica

Goju no to
(La pagoda a cinque piani)


Questa pagoda fu costruita nel 1644. È alta 36 metri, e le dimensioni di ogni tetto sono quasi uguali. Normalmente non è aperta al pubblico.

Kannon do


È un edificio costruito nei primi anni del periodo Edo. Vi sono numerose statue di Budda all’interno. Normalmente non è aperto al pubblico.

Shoro (Il campanile)

Fu costruito nel periodo Edo.




Niomon

È un portale ricostruito fra il 1637 e il 1644. Ai lati, come spesso nei portali dei templi buddisti, sono poste a guardia del tempio due grandi statue di divinità protettrici (Nio, re Deva).


Chumon

Portale costruito nel periodo Edo, anche ai suoi lati vi sono due statue di divinità protettrici.
L’ingresso al giardino è solitamente gratuito, ma a pagamento durante la fioritura dei ciliegi. I prezzi variano a seconda dello stadio di fioritura.
Il giardino del tempio è aperto dalle 7:30 alle 16:30.

L’ingresso all’edificio chiamato Goten costa 500 yen per gli adulti e 300 yen per i minori tra 6 e 15 anni.
Il “Goten” è aperto dalle 9 alle 16:30, e vi si può entrare fino alle 16.

L’ingresso al Reiho kan costa 500 yen per gli adulti e 300 yen per i minori tra 6 e 18 anni.
È aperto al pubblico ogni primavera e autunno, dal 1 aprile alla fine di maggio e dal 1 ottobre al 23 novembre.

Foto dell’autrice.

Honen-in

by Kanako Morita






Lo Honen-in si trova a Sakyo-ku, la parte orientale di Kyoto, ai piedi del monte Zenki. Salendo per il viale d’accesso lastricato in lenta perdenza, si può vedere il grande portale del tempio con un caratteristico tetto in rami di bambù in stile semplice ed elegante. Molti alberi e varie piante circondano il tempio, conferendogli un’atmosfera tranquilla. In autunno vi si può ammirare la belezza delle foglie secche d’acero rosse e gialle.

Il giardino del tempio

白砂壇 Byakusadan (le terrazze di sabbia bianca)

Entrando dal portale, su entrambe i lati si vedono due terrazze di sabbia bianca. Esse rappresentano l’acqua, e passarvi in mezzo significa purificare il corpo e la mente per entrare nel luogo sacro.
Sulle terrazze sono disegnate figure stilizzate che esprimono il movimento dell’acqua, onde e vortici, oppure piante stagionali.
Stando in piedi davanti alle terrazze e volgendosi verso il portale d’ingresso, ci si accorge che il portale è più in alto rispetto al punto in cui ci si trova. Questa differenza di altezza simboleggia la linea di demarcazione tra il mondo profano e il luogo sacro.
Una volta c’erano cinque terrazze, ma nel periodo Taisho ne sono state disfatte tre per allargare lo stagno.

講堂 Kodo (la sala per le lezioni)

Originariamente era una grande stanza da bagno costruita nel 1694. Nel 1977 l’interno è stato rinnovato, e ora è usata per conferenze, mostre o concerti.

 Foto: Katsuhiko Mizuno
方丈 Hojo (il padiglione per gli ospiti)

Questo edificio è stato trasportato da Fushimi, dove originariamente si trovava. Nel diciasettesimo secolo era la dimora dell’Imperatore Gosai. Sulle porte scorrevoli di carta ci sono dipinti di Mitsunobu Karino, un famoso pittore del periodo Azuchi-Momoyama.

方丈庭園 Hojo teien (il giardino Hojo)

Questo giardino è tipico dello stile della setta Jodo. Ci sono uno stagno e un ponte che rappresentano l’aldilà e questo mondo. Nel giardino c’è una pietra che simbolizza la statua di Amida.
本堂Hondo (il padiglione principale)

Nella sala si trovano le statue di Amida, il Budda della misericordia, del fondatore della setta Honen e del fondatore del tempio Manmuosho.

La storia 

Honen, il fondatore della setta buddista Jodo-shu, costruì un eremo in questo luogo, e vi eseguì la cerimonia chiamata “rokuji-raisan” (六時礼賛, la cerimonia delle sei) con i suoi allievi Juren e Anraku. È un rito in cui si invoca il Budda Amida recitando il “Namu Amidabutsu” alle sei di ogni mattina e di ogni sera. All’inizio del tredicesimo secolo (periodo Kamakura), la dottrina di Honen si diffuse ampiamente fra il popolo, essendo basata sul semplice principio che “è sufficiente rispettare la propria natura e invocare il Budda Amida per fare una morte serena”, facile da capire anche per le persone incolte.
Ma nel dicembre 1206 le principesse Matsumushi e Suzumushi, due dame di corte dell’ex imperatore Goshirakawa influenzate dalla dottrina di Honen, si fecero monache buddiste. I due discepoli di Honen che gli avevano insegnato la dottrina furono condannati a morte, e lo stesso Honen fu mandato al confino a Oki (oggi nella prefettura di Shimane). Questo avvenimento è noto come “Kenei no honan” (建永の法難), dove “Kenei” è il nome di un’era all’inizio del periodo Kamakura, e “honan” significa persecuzione per proselitismo. L’eremo perse il suo fondatore e cadde in rovina.
Nel 1680 un bonzo del Chion-in, oggi il tempio principale della setta Jodo-shu, Manmu-osho, decise di costruire un tempio nel luogo scelto da Honen per l’eremo. Lo Honen-in che esiste ai giorni nostri fu costruito da un suo discepolo.

Il fondatore


Honen (Honenshonin, 法然上人) nacque a Mimasaka (oggi prefettura di Okayama). A nove anni abbandonò il mondo per diventare monaco buddista nel prestigioso tempio del monte Hiei, in conformità al testamento del padre. A 43 anni formulò la dottrina del “senju-nenbutsu” (専修念仏), secondo la quale se si invoca il Budda Amida recitando il “Namu Amidabutsu” con sincerità e purezza di cuore è possible raggiungere il paradiso della Terra Pura dopo la morte. Nel 1175 Honen fondò la setta Jodo-shu a Higashiyama-Yoshimizu (oggi la sede del Chion-in). All’inizio del 1200 cominciò la pratica religiosa a Shishigatani (oggi la sede dello Honen-in). A quell’epoca la sua dottrina era molto originale rispetto a quelle delle sette precedenti, ragione per cui subì molte persecuzioni. Honen lasciò il tempio del monte Hiei per diffondere tra il popolo il buddismo, che fino ad allora in Giappone era stato una dottrina oscura e cerimoniosa riservata agli aristocratici.

Il cimitero

Accanto al giardino c’è il cimitero in cui si trovano le tombe di famosi scrittori e letterati. Per esempio c’è la tomba di Jun-ichiro Tanizaki, il famosissimo scrittore del periodo Taisho. Nella sua opera “Diario di un vecchio pazzo” (“Futen-rojin Nikki”) ha celebrato la tranquillità perfetta. Anche Hajime Kawakami, illustre economista e letterato, riposa qui.

Informazioni 

Si può entrare allo Honen-in dalle 6 fino alle 16. Ogni anno in aprile e novembre c’è un periodo in cui viene aperto al pubblico l’interno di un edificio che non è normalmente visibile. A parte questi periodi, l’ingresso è gratuito.

Per arrivare allo Honen-in ci vogliono solo 10 minuti a piedi dalla zona centrale di Kyoto. Vale senz’altro la pena visitarlo anche per godere della tranquillità celebrata da Tanizaki e per ammirare la belleza della natura nelle varie stagioni.

Toji

Kanako Morita


Il tempio buddista Toji si trova nella parte meridionale di Kyoto, vicino alla stazione ferroviaria principale. Venendo a Kyoto con lo Shinkansen (il treno ad alta velocità), si può vedere la pagoda a cinque piani dal finestrino. Essa è stata il simbolo del Toji dal Periodo Heian fino a oggi. Nella zona del Toji c’è molto traffico e le strade sono molto frequentate. Ma entrando nel giardino del tempio si può percepire un’atmosfera grandiosa e tranquilla. Il tempio conserva l’aspetto originario dell’antica capitale del Giappone.

 

Il fondatore

Kukai (noto in Giappone anche come Kobodaishi) nacque da una potente famiglia di Sanuki (oggi nella prefettura di Kagawa) nel 774. Da bambino dimostrò una grande intelligenza, tanto da essere considerato un bambino prodigio, e cominciò a interessarsi al buddismo. A diciotto anni entrò all’università, ma abbandonò gli studi a metà strada, dedicandosi per sette anni alle pratiche ascetiche sulle montagne. Si pensa che durante questo periodo abbia approfondito la conoscenza dei sutra buddisti studiando il cinese e il sanscrito presso un tempio, ma non è una notizia sicura. Probabilmente venne a conoscenza del canone del mikkyo (il buddismo tantrico esoterico) e ne subì il fascino.
Nell’804 si recò in Cina, durante il regno della dinastia Tang, con una missione di studiosi e diplomatici inviata dal governo giapponese. In Cina incontrò una figura di primo piano della setta Shingon, la setta del buddismo tantrico, e divenne suo allievo. Dopo solo due mesi di pratica ottenne il titolo conferito al potenziale successore del maestro, e dopo due anni ritornò in Giappone. Nell’809 decise di iniziare la diffusione della dottrina della setta Shingon e chiese il permesso alla corte imperiale. Fortunatamente l’imperatore Saga, che lo stimava molto, glielo concesse assieme a un supporto finanziario.
Nell’823 Kukai fu incaricato di costruire il Toji, e chiese e ottenne il permesso di farne il tempio principale della setta Shingon.



Il giardino del tempio

 

Oggi nel giardino del Toji ci sono edifici costruiti per l’esercizio di pratiche ascetiche che si dice consentano di vivere più di cento anni. Cinque di essi sono tesori artistici nazionali e nove sono importanti beni culturali. Poiché in passato si sono verificati incendi, terremoti e guerre, adesso non ci sono più le costruzioni originarie. Tuttavia l’estensione, la grandezza e la disposizione delle costruzioni principali preserva l’atmosfera di allora: si dice infatti che il Toji sia il tempio che meglio preserva l’aspetto dell’antica capitale del Giappone.

 

La pagoda a cinque piani


È il simbolo del Toji. Si trova nell’angolo sud-est del giardino. Nell’826 Kukai cominciò a costruirla, e fu completata dopo circa 50 anni. In seguito ci furono molti incendi, ed è stata ricostruita molte volte.
Con 57 metri di altezza, oggi è la costruzione in legno più alta del Giappone.

 

La sala per conferenze




In origine era la sala per ascoltare i sermoni. Contiene undici statue di Budda, la cui disposizione disegna un mandala tridimensionale. Il mandala è un diagramma sacro buddista che di solito viene rappresentato in due dimensioni.

 

Il mercato KOBO







Una volta al mese nel giardino del tempio si tiene un mercato che si chiama “Kobo-ichi” (mercato Kobo). In occasione dell’ anniversario della morte del fondatore Kobodaishi (22 aprile 835), il 21 di ogni mese si dispongono tante bancarelle. Le persone di Kyoto chiamano affettuosamente il mercato “Kobo-san”. Quello che si tiene il 21 dicembre è il più grande dell’anno, ed è chiamato “Shimai-Kobo” (Shimai significa fine). Ci sono più di 1200 bancarelle, ed è sempre affollato.
Di recente i turisti stranieri che visitano il mercato stanno aumentando.
Si vendono kimono, servizi da tavola, vari articoli d’uso, piante, fiori ecc. In genere li si può comprare a buon mercato.
Se ci andate vi consiglio di assaggiare i cibi: si vendono pasti leggeri e dolci tipici che i giapponesi mangiano abitualmente.

 

Informazioni

Si può entrare tutti i giorni. L’ingresso costa 500 yen.
Nel periodo primaverile ed estivo (dal 20-3 al 19-9) è aperto dalle 8:30 alle 17:30; invece nel periodo autunnale e invernale (dal 20-9 al 19-3) è aperto dalle 8:30 alle 16:30. Dalla stazione JR di Kyoto si può prendere un autobus che ci arriva direttamente in soli 5 minuti.
Se visitate il Toji, vi consiglio di guardare con calma i suoi tantissimi tesori. Sarà come viaggiare nel tempo per tornare all’antica capitale del Giappone.