Il santuario di Jishu (Jishu Jinja)

September 27, 2008

Mitoki Nakamura

    • Storia e informazioni fondamentali

Il santuario scintoista Jishu-jinja si trova all’interno dell’area del tempio buddista KIYOMIZU-DERA, situato nella parte orientale di Kyoto. Il santuario è molto famoso per il Dio delle nozze, quindi è visitato quotidianamente da tante donne e studentesse in gita scolastica.

Secondo la tradizione storica sul santuario, la sua costruzione precedette la fondazione della nazione giapponese.
La storia antica del santuario non è ben conosciuta, ma recentemente un fisico americano ha dimostrato che le “pietre dell’amore” sono di epoca Jomon.
La zona intorno al santuario, chiamata Meisho-Horaisan fin dall’antichità, è venerata come montagna sacra alla giovinezza.

Nel 1994 Jishu jinja è stato dichiarato patrimonio culturale dell’umanità.

    • La sala principale del santuario e il Dio

【La sala principale】
【Okuninushino Mikoto】
La sala principale è dedicata a Okuninushino Mikoto, famoso come Dio delle nozze.
Egli non solo aiuta chi si vuole sposare, ma concede anche il parto facile, il benessere della famiglia, la salute, ecc.
La prima e la terza domenica di ogni mese, dall’una di pomeriggio, si tiene una cerimonia solenne di preghiere propiziatorie per le nozze.
Ogni anno vi partecipano 150.000 persone.
La cerimonia è aperta a tutti, ma prima bisogna iscriversi e fare un’offerta per la preghiera.

    • Le pietre dell’amore

Ci sono due pietre famose chiamate “pietre dell’amore ” in questo santuario.
Esse permettono di conoscere il destino in amore.
Le due pietre sono poste a dieci metri una dall’altra, e secondo la tradizione chi può camminare da una pietra all’altra ad occhi chiusi e senza l’aiuto di altre persone realizzerà i propri desideri in amore.
Chi invece ha bisogno della guida di qualcuno, deve farsi consigliare da altri per realizzare i propri desideri.

    • Rikko Inari

In questo santuario è venerato il Dio della prosperità nei commerci, il benessere della famiglia, e la fortuna.

    • Ema (tavolette votive)

Le tavolette votive nei santuari giapponesi sono chiamate Ema.
In generale, i desideri che si desiderano realizzati e le preghiere vengono scritte su queste tavolette.

In particolare, sulle tavolette di questo santuario si scrivono i desideri d’amore.

Al giorno d’oggi sulle tavolette c’è di solito l’immagine dell’animale che dà il nome all’anno corrente secondo il calendario astrologico cinese, ma sulle tavolette di Jishu Jinja è raffigurato il Dio Okuninushino-Mikoto.

    • Omikuji (oracoli)

Gli oracoli predicono la sorte in amore, nel matrimonio, nei viaggi, il gioco d’azzardo, e fanno ritrovare gli oggetti perduti.
Si può comprarne uno per 200 yen.
Si dice che gli oracoli di questo santuario sono i più venduti di tutto il Giappone.
Se si prende un oracolo fortunato, è meglio portarlo a casa e custodirlo nel portafoglio o nella borsa.
Invece se si prende un oracolo sfortunato, bisogna legarlo al ramo di un albero, perché in tal modo il Dio muterà la sfortuna in buona sorte.

  • Omamori (amuleti)

Nel santuario si vendono tanti tipi di amuleti (Omamori).
Per esempio, gli omamori nella foto sono per chi vuole rafforzare il rapporto di coppia.
A sinistra, quello rosso è per la donna e quello blu per l’uomo.
A destra, quello dorato è per la donna e quello argentato per l’uomo.
Ci sono vari omamori per la salute, la longevità, il successo negli esami, la sicurezza sulle strade; oppure omamori collegati al segno zodiacale cinese, ecc.

Leave A Comment...

*