La Machiya

February 26, 2008

Sayaka Morishita

La Machiya è un edificio tradizionale che unisce la bottega e l’abitazione.La sua struttura è molto particolare e il suo aspetto è molto bello, per questo le Machiya affascinano tanta giapponesi ancora oggi.Ancora oggi molte Machiya rimangono nel centro di Kyoto, ma stanno diminuendo man mano che la città si modernizza.

La storia della Machiya

La Machiya è nata nel Periodo Heian, e la sua forma è cambiata nel tempo con il mutare delle condizioni di vita degli abitanti.
La maggior parte delle Machiya che esistono attualmente sono state ricostruite tra la fine del Periodo Edo e il Periodo Taisho.

Una volta la parola “Machiya” indicava gli edifici nel mercato comunale a Kyoto. Quando il centro del mercato è stato trasferito a via Machi-koji (il nome attuale è via Shinmachi-dori) anche molti negozi si sono trasferiti, allineandosi lungo la strada. Il negozio aveva anche il ruolo di abitazione della famiglia dei negozianti, e questo tipo di edificio è stato chiamato “Machiya”.
Con il passare del tempo la via si è sviluppata in un centro commerciale, e negozi di uno stesso tipo si sono radunati lungo la stessa contrada. Ecco perché nel centro di Kyoto ci sono strade che hanno nomi di attività commerciali: per esempio Hanaya-machi-dori, la via dei fiorai, Shio-koji, la via dei negozi che vendono condimenti, Hari-koji, la via delle sartorie, ecc. Le strade commerciali hanno uno stretto rapporto con la Machiya. Una volta c’erano gabinetti pubblici, pozzi e luoghi per il bucato nelle strade di Kyoto. La strada era un luogo pubblico per lo scambio d’informazioni e la comunicazione, più che una semplice zona di passaggio.
Le Machiya erano allineate lungo le vie, e lo spazio racchiuso dagli edifici era il centro della comunità che viveva e lavorava insieme.
La stessa idea è il principio organizzativo anche della struttura interna della Machiya.

La struttura interna della Machiya


La Machiya è lunga e stretta, quindi è chiamata “casa a forma di anguilla”.
All’interno c’è un passaggio, chiamato Tori-niwa, ossia “il cortile per il passaggio”, che conduce dalla porta principale all’ingresso posteriore attraverso l’interno dell’edificio. Il passaggio comunica con tutti gli ambienti al pianterreno della Machiya, la bottega, la cucina e le stanze d’abitazione, quindi si può dire che il passaggio è in parte un luogo pubblico all’interno dell’edificio. Esso è considerato come esterno dai giapponesi, che distinguono rigorosamente tra interno ed esterno, e hanno l’abitudine di togliersi le scarpe quando entrano dentro alle case. Il passaggio è diviso in due parti, la parte pubblica vera e propria e una parte privata con una porta interna tra la bottega e la cucina.Insomma, nella Machiya pubblico e privato, esterno e interno si mescolano.

Le caratteristiche architettoniche della Machiya


Lungo la parete esterna che dà sulla strada c’è un recinto a forma di arco fatto di
bambù, legno e metallo. Esso non solo protegge il muro dall’urina di cani e gatti, ma protegge anche dai ladri.
La caratteristica principale della Machiya sono le finestre e le porte a grata. Ce ne sono diversi tipi, e ogni grata ha forma e struttura particolari.
Le differenze indicano le diverse professioni. Per esempio, ci sono le grate tipiche delle bottiglierie, quelle dei negozi di riso, delle tintorie e delle sartorie.

La Machiya oggi

Le Machiya sono un tipo di abitazione antico e affascinante, ma è anche vero che la maggior parte delle persone che vi hanno abitato a lungo desiderano demolirle perché sono ormai diventate vecchie e scomode. Perciò ogni anno tante Machiya vengono distrutte, ma per fortuna esiste anche un movimento per la protezione delle Machiya.Vi sono in particolare giovani che rinnovano vecchie Machiya trasformandole in ristoranti, caffè o negozi. Essi riescono ad armonizzare la bellezza tradizionale delle Machiya con la sensibilità di oggi, creando un’atmosfera accogliente e simpatica.
Speriamo che queste Machiya rinnovate aumentino e siano amate dai giapponesi di oggi e di domani!

Leave A Comment...

*