Matunoo Taisha

February 14, 2006

Noriko Fujimoto


La storia

Matsunoo Taisha, il Grande Santuario di Matsunoo, è il più antico santuario scintoista a Kyoto.
Nell’antichità gli abitanti di questa regione veneravano lo spirito del Monte Matsuo e lo consideravano il protettore della vita.

Lo scintoismo è la religione autoctona del Giappone, in cui si rispettano gli antenati e che ha come fondamento il rapporto con la terra e la natura.

Circa nel 5 secolo d.C., un uomo di nome Hata e la sua famiglia emigrarono in questa regione (Yamashiro, Tamba) dalla Corea, e qui prosperarono.
La famiglia di Hata e i nativi cominciarono ad adorare Matsuo come loro divinità.
Nel 701 fu costruito il santuario scintoista che esiste ancora oggi.
Oggi, Matsunoo Taisha è sostenuto
da circa 100.000 famiglie di fedeli a Kyoto.
In particolare, è famoso in tutto il Giappone
come sede della divinità che fa fermentare il sakè.
Il sakè, come è noto, è il tipico vino di riso giapponese.
In primavera, a Matsunoo Taisha ha luogo una bellissima fioritura di Yamabuki, fiori gialli.
È consigliabile visitarlo in aprile o maggio.

Il reliquiario principale


L’edificio che possiamo vedere adesso fu costruito nel 1397 e ampiamente restaurato nel 1542.
È famoso per il tetto in stile insolito. Questo stile peculiare è chiamato “Matsuo Dzukuri”(stile di Matsuo).
Il reliquiario è stato ufficialmente dichiarato importante patrimonio culturale.

Kame no I


“Kame no I” significa “pozzo della tartaruga (Kame)”.
La tartaruga è venerata in Cina, Corea e Giappone come simbolo di buona fortuna, e particolarmente di lunga vita e buona salute.
Si crede che chi beve l’acqua di questo pozzo vivrà a lungo e in salute.
Molti usano l’acqua per preparare il miso e fare fermentare il sakè.
Il miso è una pasta di soia fermentata anche oggi molto usata nella cucina giapponese.

Sakadaru


Il sakadaru è il barile per il sakè.
La ditte che producono sakè portano i barili a Matsunoo Taisha per impetrare il succeso negli affari.

Il portale a torretta


Si dice che questo portale fu costruito nei primi anni del periodo Edo (1603~1867).
A destra e a sinistra ci sono due statue, coperte da reti metalliche. I fedeli attaccano alle reti Shakushi votivi con scritti i loro desideri e le loro speranze, e si crede che la divinità li esaudiscano. Questa è una delle espressioni tipiche della fede popolare dei giapponesi.
Lo Shakushi è un utensile a forma di spatola di solito usato per riempire la ciotola del riso bollito.

Torii


I Torii sono i portali dei santuari scintoisti, e indicano un luogo sacro.
Sono solitamente costruiti in legno o pietra, e sono dipinti in un colore rosso caratteristico.
Matsunoo Taisha ha due Torii.

Il giardino

A Matsunoo Taisha si trova un giardino giapponese, molto interessante per la varietà degli stili che rappresenta.
Il giardino fu creato nel periodo Showa (nel 1975) e riproduce tre diversi stili dei giardini giapponesi tradizionali.
Il primo è lo stile antico; il secondo lo stile del periodo Heian (dalla fine dell’ottavo secolo alla fine del dodicesimo secolo); il terzo è lo stile del periodo Kamakura (dalla fine del dodicesimo secolo al 1333).

Le feste religiose

Le tre principali feste religiose a Kyoto sono Aoi Matsuri, Jidai Matsuri e Gion Matsuri.

Ma Matsunoo Taisha ha una propria festa religiosa, la festa chiamata Shinkosai (o Matsuo Matsuri), che si tiene in Aprile, la prima domenica dopo il 20.


Durante la festa sei grandi palanchini sacri riccamente ornati (Mikoshi), in cui siedono le divinità, sono portati in processione a spalla da un gruppo di uomini fino al fiume Katsura, che scorre nei pressi di Matunoo Taisha. Da qui vengono trasportati al di là del fiume su barche. Questo rito esprime la forza e l’energia vitale del popolo giapponese, e assistervi lasciandosi trasportare dal flusso dell’energia è un’esperienza entusiasmante.

21 giorni dopo Shinkosai si può vedere anche la festa chiamata Kankosai.

Leave A Comment...

*