Shimogamo jinja

February 27, 2006

Sayaka Toyota



Shimogamo jinja (Il santuario di Shimogamo)


Il santuario di Shimogamo, che si trova nella parte nord di Kyoto, è uno dei più antichi di Kyoto. Ufficialmente questo santuario si chiama “Kamomioya jinja” (Il santuario di Kamomioya). Ma è comunemente chiamato “Shimogamo jinja” (Il santuario di Shimogamo) perché si trova lungo il corso inferiore del fiume Kamo (Shimogamo). In questo santuario ci sono due opere d’arte considerate tesori nazionali e 53 monumenti di grande importanza storica, cioè quasi tutti i suoi edifici sono opere di grande valore storico e artistico. I reliquiari principali sono dedicati a Kamotaketsunominomikoto (il reliquiario principale orientale) e Tamayorihimenomikoto (il reliquiario principale occidentale).

Origine del santuario

Si dice che l’origine del santuario è legata a un episodio leggendario: mentre Tamayorihimenomikoto si lavava nel fiume Kamo, vide una freccia che andava alla deriva, la raccolse e la pose al suolo. La freccia diventò un dio maschio e Tamayorihimenomikoto lo sposò e partorì un bambino. La storia del santuario non è certa, ma forse la consacrazione risale all’era prima di Cristo. Il reliquiario principale fu costruito nel 677.

Gli dei

Gli dei venerati in questo santuario sono Kamotaketsunuminomikoto e Tamayorihimenomikoto. Kamotaketsunuminomikoto è il dio che dissodò la terra dell’antica Kyoto. Poi diffuse l’agricoltura e si dedicò al sostentamento e alla sicurezza del popolo. È venerato come divinità tutelare di Kyoto. Quando nel 794 fu edificata Heiankyo (l’antica di Kyoto, prima capitale del Giappone), i riti propiziatori per il successo della nuova capitale furono celebrati in questo santuario. Da quel momento divenne il santuario dove si prega per la pace del popolo, sia come pace nazionale, sia come pace universale. Dall’antichità il dio è venerato come protettore delle nozze e della cura dei bambini, oltre a essere il dio che protegge la vita del popolo.

La virtù degli dei

Kamotaketsunuminomikoto esaudisce tanti tipi di preghiere come divinità che guida i fedeli nei viaggi e nella vita, per esempio fa evitare le disgrazie, superare i colloqui per l’assunzione nelle aziende, garantische la sicurezza sulle strade, nei viaggi e nella guida ecc. Anche Tamayorihimenomikoto esaudisce diverse preghiere come divinità della donna, per esempio per un buon matrimonio, un parto senza complicazioni, la cura dei bambini ecc. Inoltre è la dea dell’acqua.

Monumenti di grande importanza storica

“Romon”


Il Romon è un portale presso cui si trova un albero che simboleggia le nozze. Quest’albero nasce da due tronchi distinti che poi si uniscono e crescono insieme verso l’alto.

“Maidono”


Il Maidono che si può vedere oggi è stato ricostruito nel 1628. Il giorno della festa chiamata Aoi-matsuri (5 maggio), un messaggero imperiale vi recita un Saimon (invocazione della divinità letta davanti a un santuario scintoista a imitazione dello stile cinese), e in seguito un danzatore vi esegue la danza sacra chiamata “Azuma-asobi”.

“Chumon”


Il portale Chumon è stato ricostruito nel 1628.

Tesori nazionali

“Honden”

Ci sono due Honden (gli edifici, o reliquiari, principali), chiamati “Higashi-honden” e “Nishi-honden”; tutti e due sono tesori culturali nazionali. Si pensa che siano stati ricostruiti nel 1863.

L’ingresso al santuario è gratuito.
Il giardino del santuario e aperto dalle 6 alle 18 circa, ma l’orario cambia a seconda della stagione.

Foto dell’autrice

Leave A Comment...

*