I turisti stranieri a Kyoto

May 31, 2018

Yuko Hoshide, Reno Mitani, Yuta Morioka

 

Turisti stranieri ad Arashiyama

 

Turist stranieri in treno

 

Turisti stranieri che ammirano le foglie osse d’acero (momiji)

 

Grafico che mostra l’aumento nel numero di turisti stranieri dal 2005 al 2015. I diversi colori rappresentano turisti provenienti da diverse aree geografiche. グラフは京都観光総合調査(2015年)から頂戴致しました。

 

Vogliamo parlarvi dei cambiamenti che ci sono stati nel turismo internazionale a Kyoto negli ultimi anni.

Molti pensano che Kyoto e i suoi dintorni siano la zona del Giappone più visitata dagli stranieri, essendo quella più ricca di storia e arte del paese. Anche noi lo credevamo, ma consultando i dati ufficiali abbiamo scoperto che in realtà Kyoto è al quarto posto nella classifica, dopo Tokyo, Chiba e Osaka, secondo un sondaggio condotto nel 2015. Il fatto che Chiba sia più visitata dagli stranieri di Kyoto può sorprendere, ma probabilmente è perché a Chiba si trovano Tokyo Disneyland e l’aeroporto internazionale di Narita da cui si accede a Tokyo.

Il numero di stranieri che visitano il Giappone sta aumentando di anno in anno, e a Kyoto è raddoppiato dal 2013 al 2015. Circa l’80% degli stranieri che visitano il Giappone sono turisti, anche se fra gli europei e gli americani ci sono, in proporzione, più persone che vengono in Giappone per affari rispetto agli asiatici. Tra i turisti stranieri che visitano il Giappone i più numerosi vengono dai paesi vicini dell’asia Orientale: i coreani sono stati i più numerosi nel 2013, i taiwanesi nel 2014 e i cinesi provenienti dalla Cina continentale nel 2015. Oggi si calcola che circa il 30% degli stranieri che visitano siano cinesi.
Anche se in altre zone del Giappone si trovano più stranieri, Kyoto è una meta obbligatoria per gli stranieri che vengono in Giappone per turismo. A Kyoto si trovano infatti alcuni dei siti più visitati nel paese: il santuario shintoista di Fushimi Inari, nella zona meridionale della città, è stato quello più visitato in assoluto. È uno dei santuari shintoisti più antichi e famosi del Giappone, dedicato al dio del riso, dell’abbondanza dei raccolti e della prosperità negli affari. Il santuario è famoso anche per “i mille portali” (Senbon torii), un sentiero coperto da più di tremila torii, portali arancioni caratteristici dei santuari shintoisti. Su Instagram si trovano tantissime foto di Fushimi Inari e di Senbon torii. Altre attrazioni turistiche di Kyoto visitate da tantissimi stranieri sono il Kinkakuji (Padiglione d’oro), il tempio Kiyomizudera, e il quartiere tradizionale di Gion.

La ragione per cui a Kyoto ci sono tante attrazioni turistiche risiede nel fatto che Kyoto, essendo stata fondata come capitale imperiale nel 794 d.C., è stata una delle principali città del Giappone sin dai tempi antichi. Kyoto è stata la sede degli imperatori del Giappone per più di mille anni, e in vari periodi durante la sua lunga storia è stata anche la sede del governo e la città più importante politicamente e culturalmente. Oltre a essere piena di templi, santuari, e quartieri tradizionali, Kyoto è anche una città molto verde, essendo circondata da montagne boscose e avendo molti parchi. Grazie alla natura il paesaggio di Kyoto cambia con il cambiare delle stagioni, e ci sono molti luoghi famosi per ammirare i fiori di ciliegio in primavera e le foglie rosse d’acero in autunno, in conformità alla tradizione estetica giapponese. Per farla breve, si può dire che Kyoto è la città che più conserva l’immagine tradizionale del Giappone che interessa ai turisti stranieri.
Si aggiunga a tutto questo il fatto che Kyoto non solo ha molte strutture di accoglienza per turisti, ma, essendo anche una città universitaria, ci sono molti studenti che possono parlare inglese e altre lingue straniere. Gli studenti che vivono a Kyoto spesso lavorano a tempo parziale nei negozi e locali frequentati dai turisti stranieri. Si capisce dunque perché Kyoto, anche se non molto visitata dagli uomini d’affari, è la meta principale dei turisti stranieri in Giappone.