Toji Temple Market and Overseas Stuff

November 25, 2019

by Kyosuke Maruyama, Shunpei Sakoda, Shiho Koutoku

Kyoto

There is a lot of culture and history in Kyoto. For example, macha, maiko and yatsuhashi are popular culture. Kiyomizu temple and Kinkaku temple are known as favorite historical places in Kyoto. In recent years, many foreigners come to Japan from a lot of countries. So Kyoto is becoming a sightseeing destination for tourists to experience another culture. 

Toji temple

Do you know Toji temple? Toji temple was built in the year 796 by the emperor Kanmu. later, The emperor Saga gave it to Kukai, who was the high priest. He founded the Shingon sect of Buddhism. This temple has been poplar since then. Now a lot of visitors come to this temple to honor Kukai. 

Toji temple

Toji Temple Market

Toji Temple Market is held on the 21st of every month at Toji temple. It is called Toji temple market or Koubou sama. Koubou sama is another reference to the founder, Kukai. Kyoto people love Kukai and Toji temple. So 20,000 people come to this festival every month. In particular, more people come to this market in year-end and New Year holidays. In Japan, festival doesn’t mean only an event or party. Many shops gathered in one place is also a called a festival. It is called ennichi too in Japanese. 

Ennichi means special day. En means relationship and nichi means day. And 21st day is the day of Koukai’s death. So Kyoto people believed that Koukai is in the temple on the 21st day.

This kind of temple market or ennichi is often held in shrines and temples in Japan.

There are about one thousand two hundred shops at the market in Toji temple. 

Three months ago, I went to Toji temple market with my friends for the first time. I was so surprised. Because about half of people is foreign country people. They look at a lot of stuff. They can buy Kyoto curios, textiles and figures. Of course, they can buy food and drink there. There is a lot of food and drink shop which sell regional food and local beer. I think they will be able to be here for half a day. 

Then, I looked at one shop. This shop seemed unnatural for me. I came into this shop. There are a lot of felt dolls and clothing. I had never seen this kind of stuff in Kyoto. It was Nepal stuff. I had thought the sellers had to sell only Kyoto stuff. But this was different. After I talked a little to the seller,  I sought out shops which were selling overseas stuff. Then I can found several such shops in this festival. For instance, wine shop, doll shop and curiosity shop without Japanese stuff. In particular, wine shop gathered a lot of people. This shop held free wine festival. I heard that sellers selling overseas stuff is increasing here. Because I was interested in this process and the seller, I wanted to interview him to find out more about his experience.

He is a 39- year-old Japanese man. He organizes a lot of companies and jobs. When he was 22 years old, he first went to Nepal. He was impressed deeply by Nepal. He thought he wanted to do something for Nepal. But he had to seek good tools and methods to earn money. Then he heard by chance that buttons which are made in Nepal is so rare and expensive. He went to a factory by using his relationship with a friend in Nepal. Because of this visit to the factory, he was able to start a business. These buttons were so beautiful. He decided to sell these buttons. These buttons have been made for over one hundred years. From there, he went to other companies and shops. He made connections to stock cheaply. 

When he started this business, he was unsure of what place he could sell. So he began selling at a lot of festivals. There is many historical place in Kyoto. So various festival every month. There is a theme of festival per this place. So he tried to sell a lot of festival in Kyoto. And he decided to sell in Toji temple market. But most shops there were about Kyoto. This festival is just in Kyoto. However, there is no required theme. So he can sell his Nepal stuff here. He pays ¥5000 rental fee to Toji Temple every time he comes to the market. Why did he choose Toji temple? He said Toji history is so deep. So this traditional event will not decline or disappear in the future. The kindness of Kyoto people was another important reason. Of course, there is power balance. Veteran vendors who sell every month can get a good location within the market, which is critical to making sales and attracting customers. 

He can earn up to five hundred thousand yen per day at the Toji Temple Market. He thinks it is such a good place. In the future, goods and sellers from other countries may increase. He may face a struggle to continue his business in the future. 

He comes and goes between Japan and Nepal every month to looking for goods to sell, and brining them to his Toji temple market stall. He buys and sells in a lot of places and has a variety of goods, for instance, vegetables, dolls, antique coins and coffee. He usually seeks a possibility of job all over the place. He said it is important to seek small awareness in all places and keep facing challenges every time. 

Toji temple market will be changing. But I think it is not bad thing. A lot of culture comes to Kyoto. Possibilities will be increasing too. The Nepalese buttons he sells are used by Ralph Lauren in the Paris correction. 

Maybe, Kukai smiles above from the sky.

Access

Address Toji temple (Kyoougokokuji temple)

        601-8473

        1 banchi Kujo-machi Minami-ku Kyoto-shi

        Tell  075-691-3325 / Fax 075-662-0250

15 minutes from Kyoto station Hachijoguchi by walking

10 minutes from Toji station by walking

Please get off on Omiya station and change to bus (18, 71, 207 line)

 To Toji temple higashi mon-mae

Homepage  https://toji.or.jp/


Il tempio Tōji

Risa Takahashi, Natsumi Yamamoto, Yumi Yoshida
Tutti lo chiamano Tōji, ovvero “il tempio dell’Est”, ma il suo vero nome è Kyōgokokuji. Fu costruito nel 796 a est della porta principale della nuova capitale, che due anni prima era stata trasferita da Nagaoka-kyō a Heian-kyō, l’odierna Kyoto. Ad ovest, in posizione simmetrica rispetto alla porta, fu costruito invece il tempio Saiji (il cui nome significa “il tempio dell’Ovest”) che ora non esiste più perché nel 1233 fu distrutto da un incendio. Nell’823 il Tōji fu donato dall’Imperatore Saga a Kōbō Daishi (Kūkai), il fondatore della setta Shingon.

Kōbō Daishi Gojū-no-tō

Kōbōsan (il mercato)

 

Il ventuno di ogni mese, l’anniversario della morte di Kōbō Daishi, si tiene all’interno del Tempio il mercato chiamato Kōbōsan. Ci sono sempre almeno mille bancarelle e più di duecentomila visitatori, tra cui anche molti stranieri. In questo mercato si possono trovare molti oggetti interessanti e a buon prezzo, come ad esempio kimono, vasellame, bonsai, bambole, vestiti e generi alimentari. Per i visitatori il divertimento è assicurato.



 

Gojū-no-tō (la pagoda a cinque piani)

La pagoda a cinque piani è il simbolo del Tempio, ed è considerata un tesoro artistico nazionale. Fu costruita da Kōbō Daishi nell’826, ma è stata successivamente distrutta dal fuoco quattro volte. L’edificio che si vede attualmente è del diciassettesimo secolo (periodo Edo). La pagoda è alta cinquantacinque metri ed è l’edificio antico più alto del Giappone.

 

Kondō (la sala dorata per i riti buddisti)

Kondō significa letteralmente “la sala dorata per i riti buddisti”, ma a dispetto del nome non è veramente dorata. Il suo appellativo si collega invece al fatto che al suo interno si trova una sontuosa statua dorata del Buddha. L’edificio, costruito in stile tradizionale giapponese, è considerato un tesoro artistico nazionale. Nella sala si trova anche la statua di Yakushinyorai a cui è dedicato il Tempio. Il Buddha Yakushinyorai viene venerato come un santo e si crede che possa guarire dalle sofferenze e dalle malattie gravi. La sua statua fu costruita nel 1630 ed è considerata un importante bene culturale.


Kondō Kōdō

 

Kōdō (la sala per i riti buddisti)

La costruzione di questa sala, progettata da Kōbō Daishi, fu completata solo dopo la sua morte.
Al suo interno si trovano ventuno antiche statue del Buddha, disposte come un mandala (diagramma sacro) in modo da rappresentare il cosmo ideale del buddismo che Kōbō Daishi aveva concepito.


 

Toji

Sho Yamamoto


Toji, “il tempio dell’est”, è stato edificato a Kyoto nel 796 e nell’823 è stato donato dall’imperatore Saga a Kukai*, fondatore della setta Shingon. A quell’epoca risale anche la costruzione di un altro tempio, Saiji, “il tempio dell’ovest”, che però in seguito fu distrutto da un incendio e non fu mai più ricostruito. Ora al suo posto è stato eretto un monumento di pietra. Toji e Saiji dovevano proteggere rispettivamente il Giappone orientale e occidentale.

*Kukai(774- 835)
È il fondatore della setta Shingon e dei templi di Toji e Kongobuji. All’età di trent’anni si recò in Cina per studiare i segreti del mikkyo, il buddismo tantrico esoterico, e poi tornò in Giappone per fondare la setta giapponese del buddismo tantrico.

Mikagedo

Edificato originariamente da Kukai e successivamente distrutto da un incendio, è stato ricostruito nel 1380. Nell’edificio a nord si trovano reliquie di Kukai e un suo ritratto, a cui i devoti anche oggi si rivolgono in preghiera alle 6 di mattina, l’ora della colazione.

Goju no to (la pagoda a cinque piani)

Questa pagoda è il simbolo di Kyoto ed è la più alta del Giappone (m. 54,8). Costruita da Kukai, è andata distrutta quattro volte a causa di incendi. La pagoda che possiamo vedere oggi è stata edificata dal terzo shogun della dinastia Tokugawa.

Toji

Kanako Morita


Il tempio buddista Toji si trova nella parte meridionale di Kyoto, vicino alla stazione ferroviaria principale. Venendo a Kyoto con lo Shinkansen (il treno ad alta velocità), si può vedere la pagoda a cinque piani dal finestrino. Essa è stata il simbolo del Toji dal Periodo Heian fino a oggi. Nella zona del Toji c’è molto traffico e le strade sono molto frequentate. Ma entrando nel giardino del tempio si può percepire un’atmosfera grandiosa e tranquilla. Il tempio conserva l’aspetto originario dell’antica capitale del Giappone.

 

Il fondatore

Kukai (noto in Giappone anche come Kobodaishi) nacque da una potente famiglia di Sanuki (oggi nella prefettura di Kagawa) nel 774. Da bambino dimostrò una grande intelligenza, tanto da essere considerato un bambino prodigio, e cominciò a interessarsi al buddismo. A diciotto anni entrò all’università, ma abbandonò gli studi a metà strada, dedicandosi per sette anni alle pratiche ascetiche sulle montagne. Si pensa che durante questo periodo abbia approfondito la conoscenza dei sutra buddisti studiando il cinese e il sanscrito presso un tempio, ma non è una notizia sicura. Probabilmente venne a conoscenza del canone del mikkyo (il buddismo tantrico esoterico) e ne subì il fascino.
Nell’804 si recò in Cina, durante il regno della dinastia Tang, con una missione di studiosi e diplomatici inviata dal governo giapponese. In Cina incontrò una figura di primo piano della setta Shingon, la setta del buddismo tantrico, e divenne suo allievo. Dopo solo due mesi di pratica ottenne il titolo conferito al potenziale successore del maestro, e dopo due anni ritornò in Giappone. Nell’809 decise di iniziare la diffusione della dottrina della setta Shingon e chiese il permesso alla corte imperiale. Fortunatamente l’imperatore Saga, che lo stimava molto, glielo concesse assieme a un supporto finanziario.
Nell’823 Kukai fu incaricato di costruire il Toji, e chiese e ottenne il permesso di farne il tempio principale della setta Shingon.



Il giardino del tempio

 

Oggi nel giardino del Toji ci sono edifici costruiti per l’esercizio di pratiche ascetiche che si dice consentano di vivere più di cento anni. Cinque di essi sono tesori artistici nazionali e nove sono importanti beni culturali. Poiché in passato si sono verificati incendi, terremoti e guerre, adesso non ci sono più le costruzioni originarie. Tuttavia l’estensione, la grandezza e la disposizione delle costruzioni principali preserva l’atmosfera di allora: si dice infatti che il Toji sia il tempio che meglio preserva l’aspetto dell’antica capitale del Giappone.

 

La pagoda a cinque piani


È il simbolo del Toji. Si trova nell’angolo sud-est del giardino. Nell’826 Kukai cominciò a costruirla, e fu completata dopo circa 50 anni. In seguito ci furono molti incendi, ed è stata ricostruita molte volte.
Con 57 metri di altezza, oggi è la costruzione in legno più alta del Giappone.

 

La sala per conferenze




In origine era la sala per ascoltare i sermoni. Contiene undici statue di Budda, la cui disposizione disegna un mandala tridimensionale. Il mandala è un diagramma sacro buddista che di solito viene rappresentato in due dimensioni.

 

Il mercato KOBO







Una volta al mese nel giardino del tempio si tiene un mercato che si chiama “Kobo-ichi” (mercato Kobo). In occasione dell’ anniversario della morte del fondatore Kobodaishi (22 aprile 835), il 21 di ogni mese si dispongono tante bancarelle. Le persone di Kyoto chiamano affettuosamente il mercato “Kobo-san”. Quello che si tiene il 21 dicembre è il più grande dell’anno, ed è chiamato “Shimai-Kobo” (Shimai significa fine). Ci sono più di 1200 bancarelle, ed è sempre affollato.
Di recente i turisti stranieri che visitano il mercato stanno aumentando.
Si vendono kimono, servizi da tavola, vari articoli d’uso, piante, fiori ecc. In genere li si può comprare a buon mercato.
Se ci andate vi consiglio di assaggiare i cibi: si vendono pasti leggeri e dolci tipici che i giapponesi mangiano abitualmente.

 

Informazioni

Si può entrare tutti i giorni. L’ingresso costa 500 yen.
Nel periodo primaverile ed estivo (dal 20-3 al 19-9) è aperto dalle 8:30 alle 17:30; invece nel periodo autunnale e invernale (dal 20-9 al 19-3) è aperto dalle 8:30 alle 16:30. Dalla stazione JR di Kyoto si può prendere un autobus che ci arriva direttamente in soli 5 minuti.
Se visitate il Toji, vi consiglio di guardare con calma i suoi tantissimi tesori. Sarà come viaggiare nel tempo per tornare all’antica capitale del Giappone.