I parchi e i giardini di Kyoto

August 17, 2019

Tanaka Ayano e Fujii Ryota

Kyoto ha molti parchi e giardini famosi. Alcuni esempi frai i tanti possibili: il parco di Arashiyama East, il parco di Okazaki Park, il parco della foresta di Amagase, il parco del Kamogawa, ecc. Tra questi ve ne presentiamo tre. Il primo è il parco Umekoji. L’indirizzo è 56-3 Joji-cho, Shimogyoku, Kyoto. Si trova a 15 minuti a piedi dalla stazione JR di Kyoto, e se ci si va in autobus si scende all’omonima fermata (Umekojikoen mae). Questo un parco è stato creato per commemorare 1200 anni dalla costruzione di Heian Kyo, come Kyoto era originariamente chiamata quando era la capitale del Giappone. Le maggiori attrazioni sono il giardino Suzaku Garden e il Biotope Life Forest, giardini in stile giapponese che sfruttano appieno le tecniche paesaggistiche tradizionali. Nei giorni di vacanza è popolare come spot per fare picnic sul prato erboso, e vi si vedono spesso famiglie con bambini e gruppi di amici. La flora è molto ricca, e a febbraio si possono ammirare gli alberi di pruno giapponese in fiore. Nelle vicinanze si trovano anche l’acquario di Kyoto e il museo ferroviario, quindi si trova in una zona in cui si può trascorrere un’intera giornata senza annoiarsi.

Il secondo è il parco di Kyoto Gyoen. È il giardino del palazzo imperiale di Kyoto, e si trova nel quartiere di Kamigyoku, a 10 minuti a piedi dalla stazione della metropolitana Marutamachi. È un giardino molto grande che conta circa 50.000 alberi, ha nove porte distribuite su tutti i punti cardinali, ed essendo aperto 24 ore al giorno è un luogo dove tutti i cittadini e i turisti possono andare a rilassarsi e a fare lunghe passeggiate in qualsiasi momento. Contiene vari edifici di importanza storica, come il Shusui-tei, l’unica parte tuttora esistente della dimora della casata aristocratica dei Kujo. A Kyoto Gyoen si può respirare l’atmosfera elegante e raffinata della cultura Heian secondo i principi della quale il giardino e gli edifici al suo interno sono stati costruiti.

L’ultimo che vi vogliamo presentare è il parco Maruyama, che si trova nell’area di è Maruyamacho, nel quartiere di Higashiyama. Vi si accede facilmente in autobus, e si trova a cinque minuti a piedi dal famoso quartiere tradizionale di Gion. Il parco si estende su un terreno in lieve pendio ad est del santuario scintoista Yasaka, e contiene un laghetto intorno a cui ci sono molti sentieri per fare passeggiate. È molto famoso per i fiori di ciliegio, ed è uno dei luoghi più visitati durante la fioritura dei ciliegi in primavera. In particolare sono famosi gli alberi di ciliegio piangente noti come “i ciliegi notturni di Gion”. Sono i ciliegi piangenti più famosi di tutto il Giappone. Di notte i fiori di ciliegio sono illuminati, e l’effetto è meraviglioso e surreale. Se lo visitate, vi consigliamo anche di camminare lungo l’itinerario che dal parco attraversa il santuario Yasaka e arriva al famoso tempio Kiyomizudera.

Heian Jingu

Mami Tanaka, Junko Morimoto

Il santuario di Heian è stato costruito nel 1895, nella zona centrale di Kyoto, per celebrare il millecentesimo anniversario della fondazione della città, ed è stato dedicato agli imperatori Kammu e Komei. Davanti al santuario, molto distante rispetto all’entrata vera e propria, è stato eretto il più grande torii del Giappone, alto ben 19,3 metri. Il torii, elemento architettonico caratteristico dei santuari scintoisti, è un portale vermiglio costituito da due semplici colonne sormontate da un’architrave. L’edificio principale del santuario di Heian, chiamato Honden, è una riproduzione del Palazzo Imperiale di Kyoto. Al suo interno ci sono quattro divinità, una per ogni punto cardinale, alle quali è affidato il compito di proteggere la città.

Il portale (Otemon)

L’ingresso del santuario è un sontuoso edificio a due piani, un portale in forma di padiglione, che è sempre aperto al pubblico.

Daigokuden

Dal portale si entra nell’area principale di Heian Jingu, e si può vedere l’edificio chiamato Daigokuden, una riproduzione in scala ridotta (cinque ottavi) di un’antico edificio governativo.

Il giardino

Il giardino del santuario ha una superficie di 33 mila metri quadrati. Vi trovano riparo tanti volatili, come ad esempio il martin, noto anche con il nome di “gioiello volante” per il suo meraviglioso colore blu lapislazzuli, il falcone, l’airone e la civetta.

Le feste

Il 15 aprile, anniversario dell’intronizzazione dell’imperatore Kammu, avvenuta nel periodo Temmo, si celebra nel santuario di Heian la festa più importante dell’anno, chiamata “Reisai”.
Il 22 ottobre invece, per commemorare il trasferimento della capitale dell’impero a Kyoto, allora chiamata Heian Kyo, nell’anno 794, si svolge nella città il “Jidai Matsuri” (letteralmente, la festa delle epoche storiche). Le celebrazioni iniziano di prima mattina e gravitano attorno al santuario di Heian. L’evento culminante della festa ha luogo a metà giornata quando centinaia di persone, abbigliate con costumi tradizionali appartenenti a epoche diverse, sfilano in processione dall’antico Palazzo Imperiale fino al santuario di Heian, portando con sé le statue degli imperatori Kammu e Komei collocate all’interno di un mikoshi, tradizionale tempietto scintoista portatile in forma di palanchino.
Infine ogni anno, a partire dal 2003, si celebra nel santuario Heian la festa degli studenti universitari, che per importanza e tradizione non si può certo paragonare alle precedenti, ma che sta riscuotendo un successo notevole. Vi partecipano seimila studenti di tutte le università di Kyoto, che si danno appuntamento (di solito in ottobre) nella piazza del santuario per danzare allegramente e alleviare così le fatiche dello studio.

Orario di apertura:

estate, 8:30 – 17:30;
1 marzo – 14 marzo, 1 settembre – 31 ottobre, 8:30 – 17:00;
1 novembre – 28 febbraio, 8:30 – 16:30.
Biglietto intero per adulti: ¥600
Biglietto ridotto per ragazzi: ¥300